venerdì 26 agosto 2011

CELANO: L'UOMO HA UCCISO PER GELOSIA

In attesa dell'autopsia che stabilirà le cause del decesso di Halina Renata Kaminska, 41 anni, uccisa dal marito Dino Stornelli, 42 anni, il quale si è poi tolto la vita impiccandosi in un casolare in campagna, nei pressi di Celano, emergono nuovi particolari sul rapporto tra i due coniugi. Tre sere prima dell'omicidio-suicidio c'era stata un'altra violenta lite che aveva richiesto l'intervento dei carabinieri. I vicini hanno raccontato di aver sentito quella sera delle urla e un gran baccano ma poi sembra che nessuno avesse presentato denuncia. Negli ultimi tempi i rapporti tra i due coniugi, che lasciano un figlio adolescente, si erano deteriorati a tal punto che le liti erano divenute molto frequenti. La polacca era in Italia da più di dieci anni e collaborava anche in un internet center, ben inserita nel tessuto sociale della città marsicana. I carabinieri stanno ancora cercando l'arma del delitto. Si tratterebbe di un coltello, lo si evince anche dai segni lasciati sul corpo, soprattutto intorno al collo che presenta dei fori. Sembra che la donna abbia ricevuto più di dieci coltellate, di cui tre sarebbero state fatali. La straniera sarebbe morta per i colpi subiti sul lato destro del collo. Sarà per il medico legale ha stabilirlo con certezza, il cui incarico sarà conferito nella giornata di oggi. L'arma con cui l'uomo ha aggredito la vittima potrebbe essere stata abbandonata nelle campagne adiacenti al casolare dove l'uxoricida si è tolto la vita. Gli inquirenti stanno cercando di approfondire le motivazioni che hanno portato alla tragedia. Sembra che i due coniugi litigassero in continuazione, soprattutto nell'ultimo periodo, per motivi legati all'atteggiamento di possessivita' dell'uomo.

Nessun commento: