mercoledì 24 agosto 2011

JASON: CHIESTA PERIZIA SULLA MADRE

L'avvocato Francesco Ciabattoni, legale di Katia Reginella, la madre del piccolo Jason scomparso, chiede una perizia della Procura di Ascoli Piceno per accertare se la donna di 25 anni, in carcere per la scomparsa del figlio, era in grado di intendere e di volere al momento dei fatti.
La donna è accusata di abbandono di minore o maltrattamenti aggravati dalla morte e occultamento di cadavere, insieme al marito Danny Pruscino, anche lui in carcere, che non è il padre naturale del bambino.
Differenti le versioni dei due: dapprima Pruscino ha sostenuto che il bambino fosse in Svizzera, con altre persone, mentre in secondo momento sarebbe morto a causa di un incidente domestico in cui lui non era presente.
Per la madre invece, che ha ritrattato più volte, nell'ultima versione sarebbe stato proprio Pruscino ad uccidere il bambino, sbattendolo a terra.
Secondo il legale della donna, quest'ultima presenterebbe una personalità fragile, dipendente dal marito, bisognosa di insegnanti di sostegno per tutto il periodo scolastico, con un'infanzia difficile alle spalle e vittima di sevizie da parte della propria famiglia.
Il legale di Pruscino, l'avvocato Felice Franchi, ha chiesto, invece, un confronto tra due.

Nessun commento: