lunedì 29 agosto 2011

PERDE BIMBO ALL'OTTAVO MESE. INDAGINE

E' stata avviata un'indagine interna per chiarire la vicenda della giovane mamma che ha perso il bambino, all'ottavo mese di gravidanza, nell'ospedale di Pescara dopo essere stata visitata per due volte all'ospedale di Chieti a causa di forti dolori, ma subito rimandata a casa. A disporla il Direttore Sanitario della Asl Lanciano Vasto Chieti, Amedeo Budassi. "Si tratta di un passaggio necessario - spiega - per ricostruire l'accaduto e verificare la correttezza delle procedure seguite dal personale della Clinica di Ostetricia e Ginecologia a cui la paziente e' stata inviata dal Pronto Soccorso". Intanto sul fronte giudiziario sono 4 i medici dell'ospedale di Chieti indagati nell'ambito dell'inchiesta del pm del tribunale di Pescara, Valentina D'Agostino. Il Direttore della Clinica, Marco Liberati, però, fa sapere che nei confronti della donna e' stato fatto quanto era dovuto con il massimo scrupolo, e che gli esami diagnostici a cui e' stata tempestivamente sottoposta nel corso della visita non hanno rivelato l'esistenza di fonti emorragiche ne' sofferenze a carico del feto.

Nessun commento: