venerdì 26 agosto 2011

ROGHI NEL TERAMANO

Una lunga catena di incendi sta interessando il Teramano e il circondario del capoluogo, tutte riconducibili ad uno o piu' piromani. Dopo il primo incendio doloso registrato a Sardinara, il secondo a Carapollo, Villa Ripa, Varano, e Roiano, continua l'intervento dei vigili del fuoco, che nella giornata di ieri hanno domato le fiamme sviluppatesi nella zona di Miano e Carapollo a Teramo. Nei vari punti in cui si sono sviluppati i roghi sono impegnati anche gli uomini della Forestale e la protezione civile.
Un altro e preoccupante incendio, di vaste dimensioni, si è poi sviluppato su due colline distanti tra loro, a Torricella Sicura, Comune dell'alto Teramano facente parte del comprensorio della comunità montana Gran Sasso-Laga. Sono andati in fumo vaste macchie verdi ed è stato necessario evacuare alcune abitazioni mettendo al sicuro persone, mezzi e animali. La matrice dolosa dei roghi è certa anche in questo caso. Per circoscrivere la zona e bonificarla si sono alzati in volo due canadair che hanno attinto acqua dal mare, mentre le aree sono state battute da squadre di terra di vigili del fuoco, forestale e protezione civile. Sono stati impegnati tre mezzi e sei uomini del comando provinciale dei vigili del fuoco, oltre a forestale, protezione civile e squadra boschiva. Un nuovo incendio si è, infine, sviluppato ieri sera in località Coste Sant'Agostino, nella zona dell'università, interessando un'area di circa un ettaro. I vigili del fuoco di Teramo hanno impiegato tre ore per domare il rogo impegnando dalle 22.00 all'una della scorsa notte 5 mezzi, di cui tre autobotti. Non si esclude, anche in questo caso, la matrice dolosa dell'incendio alla luce dei precedenti roghi nelle stesse zone.Vigili e forestale chiedono la massima collaborazione dei cittadini invitandoli a segnalare persone e mezzi sospetti alle forze dell'ordine, per bloccare i piromani che hanno distrutto in pochi giorni interi ettari di verde nel Teramano.



Nessun commento: