giovedì 4 agosto 2011

TRUFFE UE: 130 INDAGATI

130 persone rischiano il processo a Roma perchè accusati di aver intascato fraudolentemente i fondi dell'Unione europea destinati all'agricoltura. Secondo l'accusa gli indagati, utilizzando falsa documentazione, ottenevano rimborsi comunitari dichiarando di aver "messo a riposo un terreno agricolo". L'udienza dovrebbe svolgersi a settembre davanti al gup del tribunale di Roma, Massimo Battistini. Le indagini sono per il momento concluse e il pm Tiziana Cugini ha chiesto il processo per i 130 indagati, che sono per lo piu' della regione Calabria, Puglia e Sardegna. Indagati anche alcuni ex funzionari dell'Agea, agenzia per le erogazioni in agricoltura. Secondo l'accusa gli stessi funzionari avrebbero favorito le erogazioni delle sovvenzioni da parte dell'Unione europea, destinate a contenere la sovraproduzione in determinati settori agricoli. L'inchiesta, condotta dalla Guardia di finanza di Pescara, e' partita verso la fine del 2008 portando alla luce una frode di circa 30 milioni di euro.

Nessun commento: