giovedì 1 settembre 2011

MELANIA: LE AMICHE IN PROCURA

E' stata la volta delle migliori amiche di Melania, questa mattina al Tribunale di Teramo. Dopo che nei giorni scorsi la Procura aveva ascoltato i parenti di Salvatore Parolisi, marito della vittima, nonchè unico indagato per l'omicidio, oggi a parlare con i sostituti Procuratori, Greta Aloisi e Davide Rosati sono state Valentina e Immacolata detta "Imma". Le due giovani donne erano già state sentite dai Pm di Ascoli Piceno e proprio in quell'occasione Valentina rivelò ai magistrati la relazione extraconiugale di Salvatore Parolisi con Ludovica. Imma, invece, è l'amica alla quale Melania annunciò di dover rivelare "un fatto molto grave" e che lo stesso Parolisi chiamò per chiederle se la moglie le avesse raccontato qualcosa. E intanto i legali di Parolisi hanno depositato questa mattina il ricorso in Cassazione contro la decisione del Tribunale del Riesame dell'Aquila, che il 23 agosto ha confermato la detenzione in carcere a Teramo, per il caporalmaggiore dell'Esercito. Secondo gli avvocati Walter Biscotti e Nicodemo Gentile, la decisione dei magistrati aquilani ha diversi punti deboli, con "risposte superficiali ad una robusta quantita' di obiezioni difensive su molte cose". Nel merito, i due legali contestano "i dati sull'ora della morte della donna, poi la rivelanza delle sei presunte tracce di dna estraneo trovato sul corpo di Melania, (femminili e maschili) e l'analisi delle celle telefoniche nella zona tra Colle S. Marco di Ascoli e Ripe di Civitella del Tronto, in provincia di Teramo, dove il cadavere venne trovato il 20 aprile scorso, due giorni dopo la scomparsa della 29enne di Somma Vesuviana".

Nessun commento: